fbpx
Chiama Ora 800 048 070
info@dentisalute.it

Afte in bocca: principali cause e rimedi

Ragazza si copre la bocca con una mano

Le afte, o stomatite aftosa, sono piccole lesioni che si creano nella bocca e fanno parte delle affezioni orali più comuni, infatti più della metà della popolazione soffre di questo problema. Nonostante sia un problema diffuso le afte non sono contagiose

Solitamente le afte si sviluppano nelle parti molli della bocca come lingua, guance e labbra e tendono a ripresentarsi nel tempo. La guarigione spesso avviene in modo spontaneo anche se capita che mentre una lesione sta guarendo ne emerga una nuova.

Le cause della comparsa di afte non sono certe ma si ritiene che siano dovute ad un malfunzionamento del sistema immunitario che stimola i globuli bianchi ad attaccare le mucose della bocca. Altre possibili cause potrebbero essere legate ad una reazione allergica a cibo, dentifrici o collutori, questa possibilità può essere verificata solo a seguito di una diagnosi da parte del medico.   

In alcuni casi le afte sono il risultato di altri problemi non manifestati dal corpo, come ad esempio le malattie intestinali. Se oltre alle afte si notano altri sintomi correlati quali stanchezza, dolore addominale, febbre, dolore agli occhi, eruzioni cutanee o altre afte in diverse parti del corpo è consigliato comunicare il problema al proprio medico.

Non esiste una vera e propria cura delle afte ma possono essere prescritte delle terapie per ridurre il dolore e la loro comparsa. È però possibile prevenire la comparsa di afte tenendo un diario e annotando le cause e i momenti in cui sono apparse. Queste informazioni sono utili al medico per valutare quale sia il trattamento più adatto nel caso specifico.

In generale, è consigliato parlarne con il proprio dentista nel caso in cui le afte si presentano per più di tre volte al mese e si nota una correlazione con fattori specifici.

Nello specifico le afte possono essere suddivise in tre forme principali

Stomatite Aftosa Minor

Questa tipologia di afte è quella più diffusa, infatti ne soffre più dell’80% della popolazione. Solitamente la dimensione non supera il centimetro di diametro, guarisce dopo una settimana senza che rimangano delle cicatrici.   

Stomatite Aftosa Major

A differenza della prima tipologia queste afte sono poco diffuse. Hanno un diametro che supera il centimetro, possono essere dolorose e lasciare delle cicatrici dopo la loro guarigione, che può durare due settimane. 

Stomatite Aftosa Erpetiforme

Solo il 5% della popolazione soffre di questa tipologia di stomatite aftosa. Si manifesta con un gran numero di ulcerazioni del diametro di 1-2 mm che impiegano circa due settimane per guarire. 

Le dimensioni delle afte sono un buon indicatore per riuscire ad identificare la tipologia di Stomatite aftosa di cui si soffre, ad ogni modo saranno il medico o il dentista a verificarne la tipologia e nel caso richiedere dei test o una biopsia.      

Se hai bisogno di una visita di controllo prenota un appuntamento presso i nostri Centri Dentistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *