Chiama Ora 800 048 070
info@dentisalute.it

Denti storti dopo l’apparecchio. Perché accade?

apparecchio trasparente

Dopo aver utilizzato per tanto tempo un apparecchio ortodontico si desiderano denti dritti per sempre. Purtroppo lo sforzo che dobbiamo fare per mantenere il nostro sorriso bello e sano, non termina con l’apparecchio.

I denti sono infatti soggetti a recidiva e tendono a spostarsi per tutta la vita. Il lavoro che è stato fatto con l’apparecchio deve quindi essere mantenuto nel tempo. Per prevenire che i denti si spostino nuovamente, bisogna evitare le cattive abitudini e ricorrere all’ortodonzia di contenzione.

Recidiva ortodontica

I denti, anche dopo anni di uso costante di apparecchio ortodontico, cercano di tornare nella loro posizione originaria, soprattutto dopo i primi mesi di utilizzo.

Inoltre svolgiamo ogni giorno attività muscolari nella regione della bocca che possono provocare piccoli spostamenti nell’assetto dei denti, soprattutto se la nuova posizione non si è ancora consolidata. Le attività che causano disallineamenti sono molteplici e spesso sono dovute a cattive abitudini. Tra i principali fattori si collocano:

  • Masticare oggetti quali penne o matite
  • L’onicofagia, ovvero il vizio di mangiarsi le unghie
  • Bruxismo

I denti storti dopo l’apparecchio possono portare, oltre ad un disagio estetico, a dolori nelle aree connesse alla bocca (mal di testa, schiena, collo) e alla difficoltà nell’igiene orale quotidiana, aumentando il rischio di gengiviti e carie.

Soluzioni 

Denti storti dopo l’apparecchio. Cosa fare?

È bene attuare un piano di contenzione che permetta ai nostri denti di consolidare la posizione assunta con l’apparecchio. 

Tra le possibili soluzioni possiamo citarne due non invasive e spesso utilizzate dai dentisti:

  • Apparecchio trasparente. Si usano allineatori in resina trasparente che vengono messi di notte o di giorno. In questo modo si possono prevenire disallineamenti ed eventualmente correggere piccoli spostamenti dei denti. Questo tipo di contenzione ha come vantaggio la comodità e la discrezione: le mascherine sono infatti trasparenti e confortevoli.
  • Splintaggio ortodontico. Viene fissato un filo metallico con goccia in resina sulle superfici interne dei denti. È una tecnica che può essere utilizzata per la contenzione e in caso di malattie o traumi. Questo metodo ha il vantaggio di essere invisibile poiché posizionato all’interno dell’arcata dentale. La superficie esterna rimane quindi totalmente esposta e priva di fili o placche metalliche. 

Queste soluzioni permettono di non alterare l’estetica del sorriso e di essere utilizzate anche in contesti sociali.

Se anche tu hai paura che i tuoi denti si disallineino dopo aver utilizzato un apparecchio, puoi consultare un ortodontista per fare una valutazione accurata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *